Google+

giovedì 23 ottobre 2014

Berengo Gardin ed Erwitt all'Auditorium

Sulla scia del Festival della Fotografia parliamo un'avvincente mostra che mette a confronto due grandi fotografi.
L’Auditorium Parco della Musica ospiterà, fino al 2 novembre e dal 18 novembre 2014 al 1 febbraio 2015, un duetto d’eccezione Berengo Gardin ed Erwitt.

La mostra “Gianni Berengo Gardin – Elliott Erwitt. Un’amicizia ai sali di argento”  evidenzia il dialogo mai interrotto tra i due fotografi sia sul piano umano sia su quello professionale. 

Ciò che li avvicina è la passione per la cifra umana che resta inalterata nel tempo nonostante le naturali differenze tra il fotografo americano più concentrato sulla realtà internazionale e l'autore italiano focalizzato sulla realtà italiana.
Sono centoventi le fotografie in mostra che ripercorrono le carriere dei due fino agli ultimi reportage realizzati in questi mesi sulle grandi navi a Venezia per Berengo Gardin e sulla Scozia per Elliott Erwit.
Tra i materiali in mostra i provini delle più importanti immagini dei grandi fotografi e una ricostruzione del loro studio “il luogo magico dove tutto avviene o meglio, tutto si rivela.

Ci andiamo...domani?

domenica 12 ottobre 2014

FOTOGRAFIA 2014



Oltre duecento fotografi con più di quaranta mostre in diversi luoghi espositivi della città; Potrait, la tredicesima edizione di FOTOGRAFIA Festival Inernazionale di Roma quest’anno è dedicata alla centralità del ritratto. 

Dal 26 settembre 2014 all’11 gennaio 2015 il MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma, sarà la sede principale della manifestazione. 
 
Marco Delogu, anche quest’anno direttore artistico dell’evento, ci racconta il festival della fotografia come la creazione di un enorme ritratto. 

“ È generare”, dice Delogu, “ altre occasioni per vivere: incontri, incroci e sovrapposizioni di molte esperienze, emozioni e vite interiori. Ogni festival, a diversi livelli, è stato questo: una simbolica piazza crocevia di amicizie forti e durature, di sapere, di amori e purtroppo di scomparse (all’indimenticabile Anna Gianesini saranno dedicate le lectures del festival). Il tredicesimo festival è un’enorme quadreria di ritratti nella quale il pubblico interagisce con le fotografie, le pareti rimandano sguardi agli sguardi e il tutto genera nuove immagini. Fotografie “lente” che ogni attimo danno vita a immagini in movimento: questa è la nostra cura per l’accumulazione “malata” di immagini che contraddistingue gli ultimi anni.”


Ci andiamo...dmani?